Check Up Cardiologico Appia Pignatelli

Check Up Cardiologico Appia Pignatelli ⭐️ Dott. Daniele Santucci – Master in Cardiologia, esperto in Malattie cardiovascolari. Visita cardiologica Roma con ECG.

Prenotazioni ed informazioni

I nostri servizi

  • Check-Up Aritmie Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiopatia Ischemica Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Completo Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Globale Appia Pignatelli
  • Check-Up Ipertensione Appia Pignatelli
  • Ecocardio-Color-Doppler Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dei Vasi Carotidei Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dei Vasi Epiaortici Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dell’Aorta Addominale Appia Pignatelli
  • Elettrocardiogramma Di Base Appia Pignatelli
  • Holter ECG Delle 24 Ore Appia Pignatelli
  • Holter Pressorio 24 Ore Appia Pignatelli
  • Visita Aritmologica Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Di Base Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Ed Ecocardio-Color-Doppler Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Ed Ecocardiogramma Appia Pignatelli

Check Up Cardiologico Appia Pignatelli

Le città, come Roma, hanno un grande vantaggio a livello di diagnosi e strumentazioni per il cuore, vale a dire quelle di poter effettuare un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli.

“Diamo a Cesare quel che è di Cesare”, cioè diamo merito ai Check Up Cardiologico Appia Pignatelli poiché essi sono in grado di poter dare un quadro chiaro di quest’organo analizzando ogni singola parte che lo compone. Nei piccoli Comuni e in tanti ospedali pubblici, che devono servire ad un bacino di utenti esteso, troviamo puntualmente delle situazioni drammatica.

Lunghe liste di attesa, che sono realmente assurde, appuntamenti dati a 10 mesi da una visita cardiologica. Esami che possono essere fatti a 6 mesi di distanza dal malessere che si è avuto, peccato che poi il medico che ci ha visitato dice che deve avere il risultato entro 30 giorni. Esami che non si possono fare perché non ci sono le strumentazioni giuste oppure esami scadenti per macchinari obsoleti.

Il cuore è un organo che ha bisogno di avere un’identificazione immediata se non preventiva del proprio malessere. Se oggi abbiamo dolore al torace, poi tra una settimana esso si calma, per tornare dopo aver fatto la visita cardiologica, si comprende che qualcosa che non va, c’è, ma come capirlo?

A questo punto i pazienti, in modo privato, si ritrovano a dover fare degli esami che sono vari e diversi, ma che rappresentano l’attività cardiaca che si è avuta in diversi momenti. Siccome però non c’è da scherzare con quest’organo di funzione indipendente, dobbiamo assolutamente avere un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli.

Cos’è questo esame? In realtà non parliamo solo ed esclusivamente di un esame totale. Si parla di tanti esami diversi, ma che sono mirati al cuore, all’attività cardiaca e poi alla funzionalità del flusso sanguigno arterioso. Inoltre è necessario conoscere l’interno del cuore per valutare se ci sono presenze di modifiche dei tessuti molli o se alcuni di essi non funzionano.

Per avere un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli ci si deve sottoporre a:

  • Analisi del sangue (massimo di 3 mesi)
  • Elettrocardiogramma
  • Holter pressorio
  • ECG dinamico
  • Ecografia cardiaca

Tutti questi esami devono essere eseguiti in un massimo di 3 mesi perché quando ci sono delle distanze lunghe di tempo il nostro corpo avrà subito diverse modifiche. Per esempio oggi abbiamo la tachicardia, tale condizione procede per settimane, facciamo un elettrocardiogramma e viene scoperta che si ha un’aritmia. Il medico prescrive un holter pressorio. Lo prenotiamo presso l’ospedale pubblico e ci viene dato a 4 mesi di distanza dall’elettrocardiogramma.

Cosa capita in questo lasso di tempo? Sicuramente si cambia la propria quotidianità per evitare di avere la tachicardia, si inizia a curare l’alimentazione e magari si usano perfino dei farmaci per calmare i malesseri che ci sono. Tutto questo per evitare di stare male, ma si parla di soluzioni che sono palliative, momentanee.

Tuttavia quando poi si andrà a fare l’holter pressorio, esso potrebbe non dare dei risultati validi confrontandoli a quelli che erano stati evidenziati mesi e mesi prima. A questo punto si torna alla vita normale e si ha una degenerazione del problema cardiaco. Il tempo in questo caso è stato troppo e dunque non ci sono state delle diagnosi esatte.

Il cuore poi ha delle patologie che sono usuranti e degenerative, non guariscono da sole. Per quanto possiamo fare attenzione ci si ritrova un giorno a star bene e 2 a star male. Condizione di salute che non è quella che si deve avere in realtà.

Dunque il segreto per avere un quadro completo e chiaro del vostro cuore è necessario fare un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli completo e in breve tempo, magari da privato.

Non si capisce cos’ho al cuore, cosa devo fare?

Coloro che sono consapevoli che hanno un problema cardiaco, dopo aver fatto delle visite, ma dove non si riesce a capire cos’hanno, sono in molti. Notiamo che effettivamente i pazienti che si trovano catapultati in un mondo medico che non dà spiegazioni, specialmente quando ci si affida ai nosocomi pubblici, sono tanti.

Molte volte si parla di soggetti anziani che sono da soli e che non riescono a farsi capire e tanto meno a capire il medico che hanno di fronte. Inoltre ci sono medici che danno per scontato che il paziente che hanno di fronte abbia la sua competenza. Quello che è facile o comprensibile per un soggetto non lo è per un altro.

A questo punto sottolineiamo che tali problemi sono molto comuni, ma per risolvervi, oltre a dover trovare un bravo cardiologo, è necessario fare un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli completo.

Parliamo in modo chiaro. Coloro che hanno problemi al cuore si dividono in tre tipologie.

Pazienti che hanno malesseri e problemi palesi, cioè che si evidenziano già dai primi elettrocardiogrammi. Da un lato essi si sentono “sfortunati”, ma avendo una patologia cronica, si ha poi una terapia sicura e una diagnosi facilitata.

Ci sono i pazienti che stanno iniziando ad avere dei problemi cardiaci, risolvibili se si comprende preventivamente quale sia il danno interno, come ad esempio coloro che hanno dei danni alle valvole cardiache.

Pazienti malati “temporaneamente” al cuore. Questi sono coloro che hanno degli effetti cardiologici a causa di assunzione errata di farmaci oppure che hanno patologie digestive. Per esempio le persone che sono affette da reflusso acuto, spesso soffrono di tachicardia, dolore al torace e vertigini. Però curando il reflusso è possibile non continuare ad appesantire il cuore, che deve lavorare il doppio per apportare il giusto afflusso sanguigno e di ossigeno allo stomaco per avere la digestione. Si consiglia comunque una visita cardiologica per considerare che la patologia non abbia apportano dei danni permanenti o un indebolimento al cuore.

Infine ci sono i soggetti di malattia emotiva. Qui si apre un altro mondo che è difficile da poter capire ed occorre tanta pazienza oltre ad una buona visione delle proprie sintomatologie. Gli organi hanno dei movimenti e funzionalità indipendenti, cioè che non sono controllabili. Se noi decidiamo di trattenere il respiro, prima o poi i polmoni ci costringono a respirare, nonostante il nostro cervello dia un altro input. Il cuore funziona in modo indipendente, ma si è scoperto che esso viene controllato, in alcune funzionalità e reazioni, dalle emozioni che il nostro cervello decodifica tramite quello che vediamo, respiriamo, tocchiamo oppure pensiamo.

Ora, per fare un pochino i “romantici”, quando vediamo una persona che ci piace il cuore inizia a palpitare, i battiti si fanno più veloci e la respirazione è affannata. Vero è che tale situazione capita anche quando siamo in ritardo al lavoro e sappiamo che appena entriamo il “capo” ci toglie la pelle di dosso con qualche rimprovero che non ha mai termine.

Però a determinare questa funzionalità extra cardiaca sono le emozioni percepite dal cervello. Le persone ansiose, non sono tali perché sono delle drama queen, ma perché percepiscono i problemi in modo diverso e questo determina poi dei fattori funzionali negli organi che si sfogano in diversa maniera.

Dunque perfino da questi sintomi è possibile avere un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli completo che ci faccia capire che alcuni problemi derivano dallo stato emozionale, ma che influiscono negativamente su un organo fondamentale.

Dicono di noi

Questione di tempo, ecco perché alcune diagnosi sono lunghe

Dopo qualche anno di sintomi spiacevoli, di svenimenti, vertigini, affaticamento respiratorio e stati sincopali, iniziate a capire che c’è bisogno di un controllo cardiaco, ma che sia completo.

Aspettare porta conseguenze. Alcuni problemi degenerano, alle volte piuttosto rapidamente, mentre altri rimangono cronici ed indeboliscono tutto il resto del corpo. Quando si ha intenzione di avere dei chiarimenti sullo stato di salute dovete rivolgervi a dei professionisti, come cardiologi privati oppure centri e cliniche specializzate con attrezzature valide, su dei tempi brevi di esami.

Le lunghe attese non portano a nulla di buono. Proprio per una maggiore consapevolezza, da parte dei cittadini, oggi essi ricercano poliambulatori che siano in grado di fare tutti gli esami in breve tempo, all’interno della stessa struttura, ma dove si trovano perfino macchinari professionali di ultima tecnologia.

Alle volte ci sono delle situazioni in cui si è costretti ad aspettare, come nel caso degli ospedali pubblici, ed è qui che dovete decidervi nel fare gli esami per un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli completo in modo privato.

Cosa sono gli esami “tradizionali” e sottosforzo

La diagnostica cardiaca avviene con analisi che si possono definire tradizionali e quelle che sono dinamiche o sottosforzo. Quest’ultime sono le più recenti e sono in grado di classificare quale sia la robustezza del cuore e come mai, quando si effettua uno sforzo, di qualsiasi entità, esso inizia a collassare.

Quest’organo è costituito da tessuti molli, da una muscolatura essenziale, non fibrosa, ma che è robusta. Per indebolirlo basta realmente poco. Una pessima idratazione, alimentazione scorretta, continuo stato di stress oppure di tensione fisica continuativa. L’uso di farmaci e integratori che avviene senza un senso solo perché si ha la convinzione che essi facciano bene.

Siamo continuamente sottoposti ad una vera inondazione di cattive abitudini che ci portano a star male e a far ammalare gli organi interni.

Proprio per questo il Check Up Cardiologico Appia Pignatelli richiede sia degli esami tradizionali, come elettrocardiogrammi e ECG, per essere poi completati dai test che sono dinamici, quali gli holter cardiaci e pressori, che durano 24/48 ore.

Attenzione che è possibile eseguire un elettrocardiogramma sotto sforzo in cliniche o studi medici che hanno poi un’attrezzatura specifica. Un macchinario utile è quello del semplice tapirulan, con programmi diversi di velocità e che ha poi delle pendenze che aumentano l’attività fisica, dove si viene collegati a delle sonde per registrare l’attività cardiaca.

Check Up Cardiologico Appia Pignatelli
Problemi emozionali, anche qui è necessario parlare con un cardiologo

Torniamo a parlare di problemi emozionali che portano a delle conseguenze disastrose per un cuore “malato”. Sicuramente le persone che sono ansiose arrivano addirittura al timore di star male fino ad avere degli attacchi di panico che sfociano poi in malesseri da svenimento, collassi cardiaci, infarti o ischemia.

Per una cattiva cultura o comunque per ignoranza, siamo costretti ad usare questi termini piuttosto forti, si pensa che essi siano in realtà problemi psicologici. In realtà è solo un problema di attivazione di istinto di sopravvivenza che prende il sopravvento.

Sapendo di avere ansia o di essere stressati si arriva ad avere paura di star male. Il timore di star male, perché svenire o avere collassi cardiaci vi assicuriamo che non è piacevole, aumenta la preoccupazione e si innesca una condizione che è assolutamente assurda con il risultato di finire al pronto soccorso con il cuore che è letteralmente impazzito.

Tutti coloro che avevano attacchi di panico e stati ansiosi gravi, dopo aver fatto un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli hanno scoperto di aver sviluppato problemi cardiaci e dopo un’operazione o con una terapia specifica, hanno risolto entrambi i problemi. Non hanno avuto più problemi di panico e nemmeno di cuore perché la consapevolezza di non provare dolore, per la terapia che si seguiva, ha impedito l’attivazione dell’istinto di sopravvivenza.

Check Up Cardiologico Appia Pignatelli per pazienti che hanno problemi congeniti ed ereditari

Le famiglie che hanno avuto soggetti con problemi cardiaci dovrebbero iniziare a preoccuparsi della loro condizione perché è alta la percentuale di sviluppare gli stessi problemi oppure di avere delle condizioni che sono peggiori.

Intorno ai 40 anni è bene pensare a fare un Check Up Cardiologico Appia Pignatelli per avere un chiarimento. Non è detto che si scoprano qualcosa, ma si offre un’azione preventiva di cura e terapia. Questo evita che possiate sviluppare delle patologie che sono poi ereditarie.

Prevenire consente di non dover soffrire di quelle condizioni che sono poi degenerative e che, alla fine dei conti, si possono evolvere in modo incontrollabile. Nonostante si pensi di star bene ci possono essere realmente dei malesseri nascosti che magari si sottovalutano o a cui non si vuole pensare. Dunque perché aspettare di star male quando si possono fare dei controlli diversi che sono attenti e meticolosi?

La salute è un bene prezioso di cui ci si deve occupare continuamente pensando sempre al futuro senza aspettare che ci siano degli sviluppi di patologie o malattie gravi.

Check Up Cardiologico

Check Up Cardiologico Appia Pignatelli

Cardiologo su Wikipedia: Una definizione dell’argomento data dalla famosa enciclopedia on line.

Cardiologo Appia Pignatelli, Miglior Cardiologo Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Appia Pignatelli, Check Up Cardiologico Appia Pignatelli, Visita Con ECG Appia Pignatelli, Miglior Centro Di Cardiologia Appia Pignatelli, Cardiologo In Zona Appia Pignatelli, Miglior Centro Cardiologico Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Domiciliare Appia Pignatelli, Cardiologo A Domicilio Appia Pignatelli, Visita Cardiologica A Domicilio Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Domiciliare Appia Pignatelli,

Visita Cardiologica Appia Pignatelli

Visita Cardiologica Appia Pignatelli ⭐️ Dott. Daniele Santucci – Master in Cardiologia, esperto in Malattie cardiovascolari. Visita cardiologica Roma con ECG.

Prenotazioni ed informazioni

I nostri servizi

  • Check-Up Aritmie Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiopatia Ischemica Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Completo Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Globale Appia Pignatelli
  • Check-Up Ipertensione Appia Pignatelli
  • Ecocardio-Color-Doppler Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dei Vasi Carotidei Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dei Vasi Epiaortici Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dell’Aorta Addominale Appia Pignatelli
  • Elettrocardiogramma Di Base Appia Pignatelli
  • Holter ECG Delle 24 Ore Appia Pignatelli
  • Holter Pressorio 24 Ore Appia Pignatelli
  • Visita Aritmologica Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Di Base Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Ed Ecocardio-Color-Doppler Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Ed Ecocardiogramma Appia Pignatelli

Visita Cardiologica Appia Pignatelli

Ebbene hai bisogno di una Visita Cardiologica Appia Pignatelli, ma qual è quella adatta alle tue problematiche fisiche o ai malesseri che ti hanno portato a capire di un problema al cuore?

Quando si parla di Visita Cardiologica Appia Pignatelli ne esistono diverse tipologie, alcune di esse sono poi supportati da test ed analisi, ma ci sono poi quelle che sono eseguite sottosforzo oppure con un monitoraggio cardiaco fisso per 24/48 ore e sottosforzo di 24/48 ore.

Alle volte non ci si capisce molto, ma è vero che la prima visita con il cardiologo impone una conoscenza diretta, nel senso che il medico prima ausculta il paziente, in moda da allinearsi alle pulsazioni che esso possiede per poi fare un elettrocardiogramma. Quest’ultimo è l’analisi di “esame in tempo reale” che consente di avere un chiarimento sulla condizione delle pulsazioni.

Gli elettrocardiogrammi sono gli unici strumenti in grado di dare delle risposte chiare e immediate, ma che non sono le uniche strumentazioni da utilizzare. Infatti essi sono utili perché in grado di avvertire l’intensità e la potenza del battito cardiaco, la lunghezza e poi la frequenza, ma non possono poi visionare l’interno dell’organo e nemmeno capire quali sono le funzionalità delle valvole cardiache.

Nell’immaginario comune, ma perfino in medicina, almeno nella medicina del passato, si pensava che gli organi fossero composti da un unico “blocco” con qualche incanalatura interna. Oggi siamo a conoscenza che tutti hanno dei collegamenti alla circolazione sanguigna, ci sono valvole di vario genere, movimento e grandezza. Tutti hanno bisogno di ossigeno e poi di una buona idratazione.

Il cuore è composto da due grandi “camere”, cioè i ventricoli, che sono a loro volta suddivisi in parte alta o bassa, centrale e con delle valvole interne che ricevono impulsi elettrici per il movimento. Non possiamo dire che sia un muscolo “attivo”, nel senso la sua struttura viene indotta a pulsare ed ha una funzionalità automatica. Il cuore non si comanda, non è solo una frase romantica, ma una realtà scientifica.

Data la sua struttura ha quindi tante componenti e ognuna di essa può soffrire, in modo indipendente, di un malfunzionamento che producono effetti su tutto il nostro organismo.

Un esempio è la patologia dell’aterosclerosi, cioè la presenza di placche di grasso, di medie o grandi dimensioni, nelle arterie di collegamento che ostruiscono il passaggio del sangue e dell’ossigeno. Quando si ha questa patologia si soffre di dolore toracico, palpitazioni, aumento della sudorazione e difficoltà nel respirare.

Per identificare questa patologia è necessario sottoporsi ad una Visita Cardiologica Appia Pignatelli, ma che non è mirata proprio al cuore, ma ai suoi collegamenti esterni. Concludendo è possibile avere delle analisi o degli esami che sono poi rivolti al buon esito della visita, dove si scopre la patologia, problema o malattia, per cercare poi una terapia adatta.

Holter: cos’è e quali sono i benefici nel farlo?

Avete mai notato che quando ci si lamenta di qualche pesantezza all’altezza del torace, un intorpidimento del braccio oppure una forte tachicardia, la prima cosa che ci viene consigliata, da amici o conoscenti, è: fatti fare l’holter. Esattamente siete a conoscenza di cosa esso sia?

Esistono varie tipologie di questo esame come:

  • Cardiologico
  • Pressorio
  • ECG

Quindi il consiglio di fare holter può essere buono, ma solo dopo che si è fatto una Visita Cardiologica Appia Pignatelli che ci consiglia di valutare la qualità delle pulsazioni e la robustezza del cuore. Nessuno ci impedisce di richiedere tale esame a scopo preventivo, per qualche giramento di testa o per preoccupazioni che ci sta assillando. Solo che si deve sapere quale tipologia è utile in riferimento ai sintomi dei malesseri che si sono subiti.

Cercare poi informazioni è normale perché, quando ci si rivolge all’ospedale pubblico, non sempre si hanno delle buone informazioni. Noi consigliamo di avere un cardiologo privato che possa poi farci fare tale esame dando delle spiegazioni su quello che si sta ricercando.

A tutti piacerebbe avere delle spiegazioni, ma alle volte diventa difficile e confuso. Dunque intanto vi diamo qualche consiglio sulle diversità di holter e a cosa serve.

Holter cardiaco “classico” è un esame dove si viene collegati ad un apparecchio portatile che registra le pulsazioni e qualsiasi tipologia di anomalia in modo da aiutare ad avere un quadro chiaro dell’attività del cuore. Esso potrebbe avvenire direttamente in studio, magari sottosforzo poiché il paziente ha notato che solo quando ha ginnastica o si sottopone ad un movimento forzato, ha delle palpitazioni.

Grazie ai risultati registrati, il cardiologo che deve controllare i risultati avuti, può capire se ci sono presenze di aritmie, occlusioni delle arterie oppure malfunzionamento ventricolare. Dunque è effettivamente un ottimo esame che supporta le teorie che sono state rintracciate dal cardiologo nella prima visita.

Dicono di noi

Holter pressorio, visita specialistica

Cambio genere e concentrandoci sulla seconda tipologia di holter troviamo quello pressorio che avviene con un dispositivo che viene applicato al paziente, tramite un bracciale pressorio, e tenuto per circa 24 ore.

Qui si ha un quadro dell’attività elettrica del cuore, che poi si semplifica con il termine pressione. Grazie a questo esame si riescono a scoprire aritmie, cardiopalmo, vertigini e perdita di coscienza. Inoltre si scoprono problemi di ischemia che, semplificando il suo significato, indica un apporto di sangue al cuore non sufficiente per avere dei battiti cardiaci forti o di una giusta frequenza.

Precisiamo che con l’holter pressorio si registra prettamente l’attività elettrica del cuore e non le sue frequenze. Quest’organo pulsa tramite degli impulsi elettrici naturali e che produciamo nel nostro organismo, ma essi possono avere dei problemi di “collegamento”, come ad esempio dei difetti nelle valvole interne oppure delle componenti che recepiscono il segnale in ritardo non sincronizzandolo con gli altri.

Una cosa da precisare e che questo esame deve avvenire in modo che il paziente svolga la sua quotidianità tradizionale. Dunque non si deve fare quando c’è un giorno di riposo dal lavoro oppure andare a casa e sdraiarsi sul divano. Questo andrebbe a falsare il risultato perché il cuore è stato messo a riposo e non ha potuto “faticare” come nei momenti in cui esso dà problemi.

Allo stesso modo non si deve nemmeno fare cose straordinarie in queste ore che non si fanno durante la quotidianità normale.

Ovviamente si viene diretti dai medici e infermieri che posizionano l’attrezzatura in modo che il paziente sappia come comportarsi e cosa deve fare e non fare.

Facciamo questa precisazione poiché capitano dei pazienti che quando hanno l’holter magari decidono che proprio quel giorno devono fare una lunga passeggiata oppure mangiare cibi particolarmente grassi che andrebbero a mangiare solo nei giorni di festa. Comprendiamo che le persone ansiose o coloro che temono di avere qualche patologia possano essere presi dall’ansia e per rilassarsi stravolgono la loro quotidianità, ma è importante che si facciano le stesse cose che si fanno quasi tutti i giorni.

L’holter pressorio consente di verificare se c’è l’esistenza di ipertensioni che sono:

  • Arteriose instabili
  • Farmacologica
  • Natura emotiva, come ad esempio ansia, attacchi di panico, agitazione
  • Sbalzi di pressione, dove ritroviamo bassa pressione e alta pressione

Il medico che effettua la Visita Cardiologica Appia Pignatelli riuscirà a capire e ad analizzare in modo attento i risultati per capire quale sia il problema pressorio cardiaco e soprattutto se avete questi malesseri a causa di un problema attività elettrica cardiaca.

Ecodoppler in poco tempo

Sai che anche i vasi sanguigni subiscono delle modifiche delle loro funzionalità? Ebbene per questo è nato l’esame ecodoppler. Esso elenca e mostra i risultati della presenza di malattie arteriose o che sono venose.

Il sangue deve scorrere in modo fluido senza ostruzioni e soprattutto senza che ci siano delle condizioni di restringimento dei vasi sanguigni e delle arterie che andrebbero a rallentare il deflusso. Per esempio se ci sono delle malformazioni nel sistema circolatorio, vene che iniziano a “morire” (per inciso le vene varicose rappresentano delle “vene morte” che vengono poi sfilate con piccole incisioni per eliminare una parte inutile al sistema circolatorio) o a restringersi, esse portano sicuramente a dei danni cardiaci.

Si deve però identificare a quale altezza ci sia il problema e tramite l’ecodoppler si ha questo accertamento. Un esame assolutamente indolore che avviene nel giro massimo di 30 minuti. Oggi come oggi esso viene consigliato per soggetti che soffrono di trombosi oppure che si ritrovano ad essere in avanti con l’età.

Tuttavia è consigliato come esame quando si ha bisogno di avere un quadro completo dell’attività cardiaca perché il cuore può avere mille sintomi, ma per poter identificare il suo problema, è poi necessario che si abbiano delle descrizioni della sua attività. Una descrizione che avviene con degli esami esterni, ma che sono chiarificatori.

In una Visita Cardiologica Appia Pignatelli, che ha difficoltà nell’individuare il malessere o problema del paziente, è normale che ci sia la richiesta di tale esame, solo che se volete averlo in tempi rapidi dovete rivolgervi o a dei poliambulatori che hanno la giusta attrezzatura, cliniche private oppure cardiologi specializzati.

Visita Cardiologica Appia Pignatelli
Ecografia cardiaca, cosa mostra?

Il termine ecografia indica una “foto” o “video” che rende possibile la visione dei tessuti molli, molte volte si parla di organi, che sono all’interno del nostro corpo. La strumentazione attualmente disponibile consente di poter avere delle immagini molto nitide, non dà alcun fastidio e non si richiede al paziente di assumere farmaci o altri componenti chimici.

Spesso si associa l’ecografia alla gravidanza, non possiamo darvi torto perché è uno degli esami tipici che si ha in questa fase delicatissima di una neo mamma. Quello che non tutti sanno è che esiste l’ecografia cardiaca.

L’immagine che viene rimandata, recuperata da sonde che usano le onde sonore, riesce a mostrare la fotografia di quest’organo per controllare i tessuti di cui esso è composto. Inoltre si possono visitare la struttura dei vasi sanguigni, vene e arterie.

Siccome ci stiamo concentrando sulla Visita Cardiologica Appia Pignatelli tramite l’uso di un’ecografia si vedono carotidi, aorta, composizione dei ventricoli e delle valvole interne senza dimenticare i collegamenti esterni. Tanto per capire la sua importanza in alcune malformazioni all’interno dell’atrio destro, ci concentra sulla valvola tricuspide oppure dalla valvola semilunare. Entrambe sono presenti all’interno del cuore e si aprono o chiudono grazie alle pulsazioni elettriche che danno poi il battito.

In caso di malformazioni, ostruzioni oppure di assenza di impulso elettrico, si potrà intervenire direttamente con dei farmaci oppure con interventistiche non invasive. Solo che prima di procedere è necessario avere una foto esatta della condizione del cuore del paziente.

Qui l’ecografia diventa fondamentale!

Elettrocardiogramma, semplice e non invasivo

Dopo aver parlato degli esami che sono specialistici e molto meticolosi, richiesti in una Visita Cardiologica Appia Pignatelli, vogliamo concludere con l’elettrocardiogramma. Quest’ultimo è l’accertamento più semplice e che mostra, in tempo reale, quali sono le attività cardiache, ma che possiamo definire “basiche”.

Il cuore batte e grazie al battito si ha tutto il resto della funzionalità interna dell’organismo. Avviene sempre con un’attrezzatura esterna. Le sonde si applicano con delle ventose e in base alla pulsazione rilevata si ha una trascrizione immediata, cioè in tempo reale, sul ciclo di attività cardiaca.

Tramite il suo uso si identificano delle discrepanze nel ritmo cardiaco, aritmia, bradicardia, extrasistole, fibrillazioni e variazioni dell’intensità del battito. Per esempio esistono dei soggetti che hanno dei battiti molto lunghi, che non sono la normale attività cardiaca. Altri invece hanno dei battiti alternati, cioè due sono molto forti, normali e poi uno è appena percettibile, ricominciando il ciclo.

In questo caso si ha a che fare con un problema “elettrico”, cioè qualche valvola o parte del cuore non riceve il giusto impulso elettrico e questo appesantisce il sistema circolatorio e porta degli affaticamenti cardiaci. Se viene evidenziato questo tipo di trascrizione delle pulsazioni sarà poi eseguito un secondo esame, cioè l’holter pressorio, per avere un confronto con quello che è stato evidenziato dall’elettrocardiogramma.

Si comprende come mai esso viene sempre richiesto e consigliato durante una Visita Cardiologica Appia Pignatelli perché può dare risposte chiare e immediate, ma altre volte è la base su cui poi si deve procedere nell’indagine della diagnosi finale che si deve avere per strutturare una terapia valida per il paziente.

Visita Cardiologica

Visita Cardiologica Appia Pignatelli

Cardiologo su Wikipedia: Una definizione dell’argomento data dalla famosa enciclopedia on line.

Cardiologo Appia Pignatelli, Miglior Cardiologo Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Appia Pignatelli, Check Up Cardiologico Appia Pignatelli, Visita Con ECG Appia Pignatelli, Miglior Centro Di Cardiologia Appia Pignatelli, Cardiologo In Zona Appia Pignatelli, Miglior Centro Cardiologico Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Domiciliare Appia Pignatelli, Cardiologo A Domicilio Appia Pignatelli, Visita Cardiologica A Domicilio Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Domiciliare Appia Pignatelli,

Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli

Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli ⭐️ Dott. Daniele Santucci – Master in Cardiologia, esperto in Malattie cardiovascolari. Visita cardiologica Roma con ECG.

Prenotazioni ed informazioni

I nostri servizi

  • Check-Up Aritmie Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiopatia Ischemica Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Completo Appia Pignatelli
  • Check-Up Cardiovascolare Globale Appia Pignatelli
  • Check-Up Ipertensione Appia Pignatelli
  • Ecocardio-Color-Doppler Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dei Vasi Carotidei Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dei Vasi Epiaortici Appia Pignatelli
  • Ecodoppler Dell’Aorta Addominale Appia Pignatelli
  • Elettrocardiogramma Di Base Appia Pignatelli
  • Holter ECG Delle 24 Ore Appia Pignatelli
  • Holter Pressorio 24 Ore Appia Pignatelli
  • Visita Aritmologica Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Di Base Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Ed Ecocardio-Color-Doppler Appia Pignatelli
  • Visita Cardiologica Con ECG Ed Ecocardiogramma Appia Pignatelli

Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli

Il cuore è un organo che ha molti problemi che però non sono visibili ad occhio nudo, ma si fanno notare con diversi malesseri e la Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli oggi è una soluzione semplice e pratica.

Come mai preferire una Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli? Ci sono condizioni in cui si è obbligati a non muoversi da casa e di conseguenza si devono ricevere i medici nella propria abitazione. Tali professionisti si fanno aiutare poi da un’attrezzatura e dispositivi che sono studiati per dare dei risultati e accertamenti medici esatti su cui si possono poi formare delle terapie perché si identifica il malessere o le patologie del paziente.

Come ci si rende conto che il cuore non funziona bene? I sintomi che ci portano a sospettare delle anomalie del cuore sono tante, molte volte le andiamo a ricollegare direttamente ad altre patologie oppure si sottovalutano. Un giramento di testa, quando capita una volta ogni tanto, non vuol dire che si ha per forza un danno al cuore, ma magari si deve curare l’alimentazione oppure fare attività fisica.

Tuttavia se i giramenti di testa avvengono già una volta a settimana, questo è un primo campanello di allarme. Sintomi che identificano danni cardiaci, che sono molto più definiti, sono frequenza alterata, tachicardia e respiro affannoso. Alcuni stili di vita portano ad avere l’alta probabilità di una condizione che sia riportabile poi all’attività cardiaca, come ad esempio i fumatori. Il fumo porta ad un ispessimento del sangue e a un indebolimento della giusta quantità di ossigeno nel cuore.

Non puntiamo comunque il dito solo ed esclusivamente contro le persone che fumano poiché anche coloro che sono in sovrappeso sviluppano dei problemi al cuore molto, ma molto frequenti. Mentre altre persone che hanno avuto patologie e malattie già in età infantile, si ritrovano ad avere dei problemi al cuore che sono dati da una forte aggressività dei farmaci.

Concludendo tutti noi possiamo avere delle anomalie delle funzionalità cardiache. Alcune sono permanenti ed altre invece sono curabili e sporadiche.

Per coloro che vogliono fare dei controlli, ma non hanno tempo di trovare un cardiologo, di prenotare una visita oppure si trovano a dover attendere mesi e mesi per un elettrocardiogramma, è possibile usare e preferire una Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli.

Il servizio è attivo da diversi anni, messo a disposizione da professionisti che hanno pazienti che soffrono di problemi al cuore, ma che sono disabili. Durante la pandemia poi la situazione è cambiata, nel senso che tante persone hanno deciso di avere un’assistenza domiciliare perché comunque non ci si poteva spostare liberamente, ma perfino perché sono stati ridotti molti servizi ospedalieri per diminuire la diffusione del virus.

Ora però si nota che tante persone preferiscono fare questo tipo di Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli perché lo si trova più comodo, con ottime analisi e con una maggiore facilità di prenotazione. Esso viene addirittura effettuato in “urgenza”, cioè in meno di 2 ore.

Obiettivo di una visita cardiologica

La visita cardiologica ha come obiettivo quello di scoprire, sempre e comunque, eventuali malfunzionamenti di tutta l’attività cardiaca. Se ci sono già dei sintomi che riportano a serie patologie del cuore, allora il medico ha delle informazioni che facilitano la sua “indagine di diagnosi”. Altre volte il controllo al cuore avviene solo perché si ha vuole avere la certezza che non ci siano dei problemi.

Attualmente i cittadini sono molto più attenti a svolgere delle azioni preventive per riuscire a non incorrere in malesseri che sono invalidanti. Tanti giovani sono attenti alla propria salute e questo perché con la prevenzione si ha la possibilità di avere la sicurezza di una maggiore facilità di terapia o cure che apportano un forte benessere all’organismo.

Negli ultimi anni sono state fatte nuove scoperte sul cuore, su quali sono le patologie di cui esso soffre e come influisce negativamente su tutto il resto del corpo. Questo ha portato dunque ad avere una maggiore consapevolezza che parliamo di un organo su cui grava interamente le funzionalità del corpo e che ha una sua robustezza, ma anche che è composto da decine e decine di elementi interni che hanno tutte dei movimenti indipendenti, ma che insieme riescono a far muovere il cuore.

L’obiettivo di una visita cardiologica è quello di poter arrivare ad un chiarimento su quale sia la funzionalità del cuore considerando l’età del soggetto, stile di vita e peso. Non è detto che si abbiano dei problemi gravosi che non si possono curare, ma magari un controllo consente di capire quali sono le attività da poter svolgere senza avere dei malesseri.

Naturalmente andando avanti con l’età è normale che si sviluppino dei danni cardiaci poiché gli organi subiscono il passare degli anni. Questo vuol dire quindi che alla fine si può avere una visita per capire esattamente quali sono le problematiche che si hanno.

Molte persone hanno un cuore che è addirittura più giovane dell’età che hanno perché magari hanno svolto dei controlli preventivi oppure perché sono stati attenti a curare alimentazione, attività fisica e non hanno mai avuto patologie degenerative. Questo per dire che una visita cardiologica non si fa solo per scoprire un problema, ma perfino per azioni preventive.

Naturalmente è vero che di solito si effettuano tali visite direttamente per riuscire a trovare una spiegazione chiara a patologie, malesseri e alterazioni delel frequenze.

Dicono di noi

Fattori di rischio del cuore

Hai un cuore a rischio? Cosa vuol dire calcolare i fattori di rischio? In base al tipo di lavoro che si effettua o allo stile di vita che si ha, a risentirne principalmente è l’attività cardiaca.

Le persone che effettuano un lavoro molto faticoso, fisico, cioè che tendono a sostenere pesi importanti, come ad esempio i facchini impegnati nei traslochi, hanno assolutamente bisogno di fare dei controlli che consentano di avere un chiarimento su quello che riguarda poi l’attività cardiaca. Infatti l’alto rischio che esso possa indebolirsi a causa di una serie di conseguenze che riguardano lo sforzo fisico.

Purtroppo è palese che ci sono delle condizioni lavorative che vanno a intralciare l’attività cardiaca. Quando si va sottosforzo si ha un aumento delle frequenze e questo perché si deve avere una buona quantità di ossigeno.

Persone che invece hanno dei lavori sedentari, ma particolarmente stressanti, come soggetti che lavorano in ufficio, non sono sottoposti ad un’alterazione cardiaca perché fanno dei lavori di fatica, ma piuttosto hanno delle gravità di aumento dell’attività cardiaca a causa dei fattori di stress e, incredibilmente, quest’ultimi sono quelli che si ammalano più velocemente di cuore.

Come mai? Perché a gravare sull’attività cardiaca ritroviamo tantissimi fattori che sono psicologici, emotivi e poi che vanno ad interessare uno sforzo celebrale notevole.

In poco tempo si corre dunque il rischio di avere a che fare con una condizione in cui ci si sente molto agitati quando si è al lavoro. Fino ad arrivare a sviluppare una forma di aritmia cardiaca sia prima di andare al lavoro che durante.

In questo caso forse fare una Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli potrebbe almeno calmare il paziente e poi avere degli accertamenti che siano eseguiti in casa senza che si abbiano ulteriori fattori di stress.

Ad ogni modo i fattori di rischio calcolano, quali sono le problematiche che ci sono nell’attività cardiaca in commisurazione del tipo di lavoro o di quotidianità.

Nell’esempio precedente abbiamo notato che magari ci sono soggetti che effettivamente hanno dei problemi che derivano dal proprio lavoro e quando si ha un cuore debole, andare sottosforzo diventa pericoloso. Tuttavia qui si è in grado di sapere che solo quando ci sono delle situazioni di “sforzo” si potrà poi avere un collasso cardiaco.

Mentre per gli altri soggetti, che hanno quindi una situazione di lavoro meno faticoso, ma molto più stressante, i fattori di rischio possono essere molti e che sono poi imprevisibili.

Sottoponendosi ad una visita cardiologica si ha un chiarimento sull’attività cardiaca che è e rimane l’obiettivo principale da raggiungere, ma si ha poi un possibile calcolo dei fattori di rischio.

Capacità delle funzioni cardiocircolatorie

Il cardiologo non va ad interessarsi solo del cuore, come si potrebbe pensare poiché è questo l’organo che dà il nome alla specializzazione in cui sono impegnati, ma si occupa delle capacità cardiocircolatorie.

Quest’organo è necessario per pompare il sangue nelle vene, ma cos’altro fa? Esso pulisce e ossigena il sangue. Permette di avere una pressione arteriosa che si modifica in base all’attività o al movimento che si svolge. Stimola la produzione di diversi enzimi e funzionalità.

Il cuore è poi l’organo più importante, perfino del cervello, perché funziona in modo indipendente.

Una buona attività cardiocircolatoria consente di avere una salute forte e un buon sistema immunitario, ma essa viene diretta da parte della pressione arteriosa che si decide con l’intensità del battito cardiaco. Se da un lato essa dipende interamente da quest’organo dobbiamo dire anche che potrebbe apportare dei malesseri alla sua muscolatura.

Coloro che soffrono di cali di pressioni o alta pressione, che sono soggetti a sincope o svenimenti, devono fare una visita cardiologica per avere un chiarimento sulla condizione e poi, se il medico lo ritiene opportuno e necessario, si potrà effettuare un accertamento con un percorso diagnostico.

Insomma ci sono comunque dei benefici creali che vanno ad interessare un benessere che si potrà poi controllare e durare negli anni.

Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli
Pressione arteriosa: cos’è e come si deve controllare?

Mentre parlavano della cardi circolazione ci siamo scontrati con la funzionalità della pressione. La pressione arteriosa è importante per il cuore perché essa riesce ad apportare dei benefici per il miglioramento dell’attività “elettrica” del cuore che produce poi il battito cardiaco.

Inoltre essa riesce ad apportare una buona quantità di ossigeno direttamente all’attività celebrale e nel resto dell’organismo. Nei controlli che interessano direttamente la Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli è certo che il medico controlli proprio la pressione arteriosa tramite alcune attrezzature.

Il controllo consente di avere una certa sicurezza sulle funzionalità cardiache, ma di chiarire perfino alcuni sintomi che sono molto fastidiosi, pericolosi e che conducono poi a svenimenti o comunque a delle condizioni di malessere che sono fortissime.

Naturalmente le persone che effettivamente sono già a conoscenza di un problema che riguarda proprio la pressione, per esempio soffrono di pressione bassa o alta, devono essere sottoposti a delle visite cardiologiche perché il cuore potrebbe essere l’organo che produce tali malesseri.

Inoltre si andrà a sfociare in una condizione che porta ad aritmie cardiache che non sono affatto piacevoli.

Persone anziane: stress da visita medica e debolezza fisica

In ultimo, ma non ultimi, vogliamo parlare di coloro che sicuramente possono avere tanti vantaggi da una Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli che sono le persone anziane, ma molto anziane. Quando si invecchia tutto diventa faticoso e pesante. La muscolatura diminuisce nella sua tonicità e gli organi possono avere bisogno di una grande quantità di medicine e farmaci che siano in grado di poter sostenere le funzionalità basiche.

Per questi soggetti sottoporsi poi a dei controlli, che sono necessari, diventa difficile, alle volte molto problematico e stressante, tanto che in molti preferiscono addirittura non svolgere alcuna visita piuttosto che poi affrontare il viaggio, l’attesa, l’esame e via dicendo.

Proprio in condizioni che sono difficile e quando non si ha intenzione di avere questi elementi di stress, ecco che potrebbe essere molto conveniente avere una Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli che sia comunque rilassante e che non obblighi il paziente a fare quello che non vuol o che non si sente in grado di fare.

Tra l’altro il servizio propone realmente una visita attenta e che vada ad essere molto, ma molto rilassante con degli elettrocardiogrammi precisi.

C’è poi un altro motivo per cui questi soggetti dovrebbero poi scegliere una Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli, vale a dire quello che riguarda l’impossibilità di spostarsi in modo indipendente. Le persone anziane che vivono da soli e che non hanno un’auto, non hanno una facilità di movimento per arrivare in ospedale oppure in altri centri per fare la visita cardiologica.

Scegliendo invece un supporto da parte di medici che visitano a domicilio si risolve tale situazione e si ha una certezza per quanto riguarda il controllo o esame da fare.

Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio

Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli

Cardiologo su Wikipedia: Una definizione dell’argomento data dalla famosa enciclopedia on line.

Cardiologo Appia Pignatelli, Miglior Cardiologo Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Appia Pignatelli, Check Up Cardiologico Appia Pignatelli, Visita Con ECG Appia Pignatelli, Miglior Centro Di Cardiologia Appia Pignatelli, Cardiologo In Zona Appia Pignatelli, Miglior Centro Cardiologico Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli, Cardiologo A Domicilio Appia Pignatelli, Visita Cardiologica A Domicilio Appia Pignatelli, Visita Cardiologica Con ECG A Domicilio Appia Pignatelli,